WHAT'S NEW?


  • 11.10.2017

L'Isabella d'Este di Pelizzer 

valorizza i tesori di Mantova

INCONTRI FICE 2017: Isabella d'Este ha avuto la sua soddisfazione. Interpretata da una grande attrice di teatro come Elisabetta Pozzi, la marchesana di Mantova, ormai vecchia, subisce l'umiliazione di venir esautorata dal figlio duca. E il film breve di Claudio Pelizzer risulta credibile, con squarci affascinanti di Palazzo Te e del Ducale. Meglio di molto altro visto finora sui Gonzaga, un po' troppo scolastico o turistico. Qui invece il personaggio e la magnificenza dei luoghi emergono.
Il corto ha aperto la serata inaugurale della XVII edizione degli Incontri del cinema d'essai della Fice nella sala grande dell'Ariston, piena per l'anteprima, gratuita, di Vittoria e Abdul con la strepitosa Judy Dench. Un confronto non facile: Isabella d'Este prima della regina Vittoria d'Inghilterra, imperatrice dell'India. Ma la scelta ha funzionato bene. Isabella è decisa, affascinante, orgogliosa e amareggiata. Contro i consigli del fido segretario Benedetto, interpretato dal mantovano Nicola Del Buono, la signora di Mantova va nel palazzo che il figlio Federico si è fatto costruire sull'isola del Te e incontra Isabella Boschetti, amante bellissima e sprezzante, interpretata da Linda Messerklinger. Eppure Isabella era riuscita a fargli sposare una principessa, Margherita Paleologo. L'incontro con l'amante amata rappresenta la fine di una donna potente. E Isabella si chiama il film del regista mantovano che l'ha girato in primavera grazie a Mantova Film Commission, Comune e Fondazione Comunità mantovana.
Anche Vittoria e Abdul racconta la fine di una grande donna, la regina Vittoria, ormai stanca e indifferente. Ma l'inaspettato arrivo di un giovane servo indiano, le fa conoscere di nuovo amicizia e affetto. Con lui impara l'urdu e l'indivi, e si avvicina al mondo della sapienza musulmana e dell'India che non conosceva. Una storia vera, scoperta solo da una decina d'anni, ma di grande attualità.

MARIA ANTONIETTA FILIPPINI


  • 23.04.2017

Isabella a Palazzo Te: al via le riprese 

del film in costume

MANTOVA. Una gestazione di quasi un anno per il cortometraggio in costume "Isabella" del regista mantovano Claudio Pelizzer. Le riprese sono iniziate ieri e proseguiranno oggi nel cuore del Rinascimento mantovano, con due location d'eccezione come Palazzo Te e Palazzo Ducale (le riprese odierne saranno nella reggia.)

«Ci è voluto molto tempo per riuscire a partire ma è stato utile, e questo tempo migliorerà la qualità del lavoro finale - ha spiegato il regista -. Intanto prvede un cast super, visto che Isabella d'Este è interpretata dalla bravissima e affermata attrice Elisabetta Pozzi, vincitrice di un David di Donatello, quattro premi Ubu, due premi Eleonora Duse. Le ho proposto il soggetto - aggiunge - mi ha invitato a vederla a teatro. E' stato un bell'incontro, è anche una splendida persona oltre che una brava attrice». Isabella Boschetti sarà interpretata dalla giovane e talentuosa Linda Messerklinger che Pelizzer ha incontrato sul set per il grande schermo di "Fai bei sogni" di Marco Bellocchio. L'attrice è stata anche la protagonista del nuovo spot Campari diretto da Paolo Sorrentino. 

Mantovano, invece, il personaggio di Benedetto, il segretario di Isabella d'Este, che è interpretato da Nicola De Buono, come pure sono locali le numero comparse del corto. «Ho messo insieme tanti "pezzi" della città - aggiunge il giovane regista -. I costumi sono realizzati dalla King Studio di Fausto Fornasari, che ha fatto un'apposita ricerca per questo lavoro, sono strepitosi. Inoltre, molto preziosa è stata la consulenza dello storico Giancarlo Malacarne che ha controllato la sceneggiatura scritta da me sulla scorta delle mie ricerche in Archivio di Stato a Mantova. Sono i dettagli - aggiunge - a fare la differenza, come i gesti e le parole che pronunciano personaggi di quel tempo e di quel rango».

A dare sostegno al promettente regista mantovano, recentemente finalista con un videoclip al festival "Cortinametraggio" con madrina Maria Grazia Cucinotta, sono stati anche il Comune di Mantova, la Mantova Film Commission e la Fondazione Comunità di Mantova. Il soggetto si ispira a fatti che realmente sono accaduti nella vita di Isabella d'Este, e mette in luce i rapporti che ebbe con grandi artisti, da Tiziano all'Ariosto, tranne una scena, che la vedrà in un faccia a faccia con l'altra Isabella, la giovane e bella Boschetti, amante del figlio. «E' molto verosimile - conclude Claudio Pelizzer - che ci sia stato un incontro tra le due donne, non molto pacifico a palazzo Te anche se non lo attestano i documenti».

PAOLA CORTESE


  • 23.03.2017

Il video "DA QUI" di Pelizzer tra i finalisti di Cortinametraggio 2017

A selezionare i 20 migliori videoclip italiani indipendenti il Direttore Artistico COSIMO ALEMA' regista che da vent'anni si occupa di pubblicità e videoclip (ne ha realizzati oltre 600 per tutti i maggiori artisti: FabriFibra, Ligabue, Gianna Nannini, Max Pezzali, Mina, Fedez, J-Ax, etc.). Madrina dell'evento MARIA GRAZIA CUCINOTTA, nella giuria ospiti ALESSANDRO PREZIOSI, GIORGIO PASOTTI, GABRIELLA PESSION, TEA FALCO, LUIGI LO CASCIO, ELENA SOFIA RICCI e il regista PAOLO GENOVESE per festeggiare insime i 20 anni dalla nascita del Festival.

CORTINA, 20 - 26 MARZO 2017 (Cinema Eden e Grand Hotel Savoia) UNA SETTIMANA DI INTRATTENIMENTO E CULTURA CINEMATOGRAFICA IN GRANDE STILE TRA LE NEVI DELLA REGINA DELLE DOLOMITILa dodicesima edizione di CORTINAMETRAGGIO si prepara ad aprire i battenti all'insegna di un importante festeggiamento: i 20 anni dalla nascita del Festival che si conferma al top tra le rassegne di cortometraggi nazionali. La manifestazione, nota per aver individuato talenti emergenti protagonisti di opere giovani, è stata ideata da Maddalena Mayneri nel 1997 e vede quest'anno tra gli ospiti tanti nomi importanti del panorama cinematografico italiano: da Alessandro Preziosi e Giorgio Pasotti a Maria Grazia Cucinotta, Gabriella Pession, Luigi Lo Cascio, Elena Sofia Ricci e il regista Paolo Genovese tra le prime conferme di prestigio.Protagonisti a Cortina d'Ampezzo dal 20 al 26 marzo saranno i CORTI di commedia selezionati da Vincenzo Scuccimarra, le WEB SERIES e da quest'anno i VIDEOCLIPS selezionati da Cosimo Alema, (regista di pubblicità e Videoclip che curerà la direzione artistica della nuova sezione), con una settimana di proiezioni, incontri, mostre, workshop, omaggi e curiosità. Inoltre, dal 3 marzo Cortinametraggio presenterà la Mostra "CIAO MASCHIO" di Adolfo Franzò che proprio a Cortina porterà foto inedite di alcuni degli attori da lui ritratti: da Alessandro Preziosi a Giorgio Pasotti, Raoul Bova, Valerio Mastrandrea e molti altri.

Cortinametraggio si avvale del patrocinio della Regione del Veneto, del @Comune di Cortina e della Provincia di Belluno e del sostegno del MiBACT, il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e da quest'anno la Rai, dopo la positiva e articolata collaborazione degli scorsi anni, ha deciso di assumere il ruolo di Main Media Partner della manifestazione. Confermate e rafforzate inoltre le prestigiose collaborazioni delle edizioni passate con il Centro sperimentale di cinematografia (CSC), il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI), il Centro Nazionale del Cortometraggio / Italian Short Film Center (CNC), l'Associazione degli esercenti, ANEC con la Fice, Federazione dei Cinema d'Essai, la SIAE e Rete Eventi. Molti artisti del mondo dello spettacolo hanno già dato conferma della loro presenza: dagli attori ALESSANDRO PREZIOSI e GIORGIO PASOTTI all'attrice e produttrice MARIA GRAZIA CUCINOTTA e poi ELENA SOFIA RICCI, Michela Andreozzi, Claudia Potenza, TOSCA D'AQUINO, Maria Roveran, Chiara Mastalli e GABRIELLA PESSION, LILLO del duo Lillo e Greg - The Ufficial Pagin, Tommaso Paradiso, Joan Thiele, TEA FALCO e GIANNI IPPOLITI.

BIETTIVI DELLA MANIFESTAZIONE: Cortinametraggio si propone di promuovere il cinema e il rapporto speciale tra Cortina e il cinema, riavvicinando il pubblico della Regina delle Dolomiti alle opere più giovani della produzione destinata alle sale e alla cultura cinematografica in senso lato, con un'offerta (proiezioni, dibattiti e incontri a titolo completamente gratuito) e uno stile di comunicazione orientato a promuovere anche il marketing territoriale. Centrale il ruolo della città e del cinema Eden che ospiterà le proiezioni, in un rilancio dedicato non solo ai turisti ma anche agli ampezzani. Con il premio del pubblico decretato dalla giuria NOI DI CORTINA, l'Associazione Cortinametraggio conferma tra gli obiettivi primari quello di creare a Cortina un punto focale per il cinema in tutte le sue sfumature, tecniche, ludiche e professionali.UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE A:Bayer Coltura e Cultura, TwinSet Simona Barbieri, Grand Hotel Savoia & SPA Cortina, Contini Art GalleryGalleria D'arte Contini, Venezia, Jaguarwww.cortinametraggio.itSito ufficiale del Festival per l'iscrizione al concorso, informazioni sul programma della manifestazione, accrediti stampa e rassegna.

www.cortinametraggio.it